gelateria in franchising

Come funziona il business delle gelaterie in franchising

Cosa devi sapere per gestire un’attività redditizia

Aprire una gelateria nel 2020 può rivelarsi una buona idea, a patto di sviluppare e acquisire determinate competenze per saperla gestire al meglio. 

Aprire una gelateria in franchising: da dove si comincia

gelateria in franchising

Mi conviene aprire una gelateria in franchising? 

Aprire una gelateria, specialmente in franchising può essere un’ottimo investimento e ti spiego subito i motivi.

Il gelato è uno dei prodotti tipici del Made in Italy, popolare nel mondo intero e ormai questo business non è più legato alla stagionalità, ma può funzionare tutto l’anno. 

Tuttavia, aprire un’attività in proprio senza nessun tipo di competenza in questo campo può rivelarsi rischioso e fallimentare. 

Inoltre iniziare un business nel campo alimentare senza nessun tipo di brand di supporto alle spalle richiede investimenti notevoli per riuscire a differenziarsi dalla massa di altre gelaterie anonime, per finire poi a lottare con i collossi di questo mercato.

Ecco perché il franchising è un’ottima soluzione. 

Il franchising dà l’opportunità di avviare un’attività in proprio anche a chi non è del settore, per due motivi.

Il primo motivo del successo dei franchising è che, rispetto ad aprire una gelateria da soli, i costi di avviamento dell’attività sono molto più bassi.

Inoltre il franchising offre la possibilità anche a chi è nuovo a questo mercato e anche nuovo a gestire attività di essere supportato per l’avvio dell’attività con la formazione garantita dalla società affiliante. 

Ma allora aprire una gelateria in franchising  non mi costa nulla?

Falso.

Aprire una gelateria in franchising ha costi inferiori di aprirne una tutta propria partendo da zero, ma non significa che si tratta di un’attività che si può fare senza un minimo investimento.

Ci sono infatti le fee di affiliazione da pagare alla società affiliante che sono quei costi che vengono sostenuti per i servizi che il franchisor offre per supportare l’attività, ma è un investimento che vale la pena di valutare perché fa risparmiare tempo e denaro all’imprenditore nella fase iniziale dell’attività. 

Da dove devo iniziare per aprire una gelateria in franchising

Una delle decisioni fondamentali quando si apre una gelateria in franchising è scegliere la società giusta alla quale affiliarsi. Bisogna valutare bene il territorio sul quale si vuole avviare l’attività e individuare il franchising più idoneo al quale rivolgersi in base alle proprie esigenze.

Da tenere in considerazione quando si sceglie la casa madre alla quale affiliarsi è la formazione offerta. Il franchisor infatti dovrà insegnarti il mestiere di fare il gelato, a gestirlo correttamente, a presentarlo in modo appetibile all’occhio. Si tratta di un alimento particolare da gestire pertanto richiede una formazione specifica. A meno che la casa madre non invii al affiliato il gelato già pronto. 

Dovrai sapere come deve essere il locale e quali standard deve rispettare per trovarne uno adatto.

Infine, la cosa da non sottovalutare, dovrai assaggiare il prodotto prima di deciderti se affiliarti o meno. Questo è importante non solo per valutare la qualità del prodotto e il suo gusto, fattore del tutto soggettivo, ma anche per osservare da vicino la popolarità del marchio, il successo degli altri affiliati alla catena.

Quali competenze devi avere per aprire un’attività

Mettersi in proprio è un desiderio legittimo, spesso mosso dalla voglia di cambiare vita, di passare da dipendenti ad un’attività autonoma, più redditizia e che dia maggiori gratificazioni economiche e personali. 

Tante persone scelgono questa strada, ma bisogna tenere a mente che nei primi tre anni di attività il 50% delle imprese fallisce.

Perché accade questo?

Certamente non per crisi o per congiure di vario tipo, tant’è vero che se osservi in giro ci sono tante attività che funzionano e molto bene. 

La differenza tra un’attività di successo e una destinata a fallire in poco tempo è nelle competenze di chi gestisce l’attività. 

Questo è un fattore trasversale e non riguarda solo le gelaterie in franchising, ma coinvolge tutte le attività, dal settore ristorativo all’abbigliamento, al settore del benessere della persona come per esempio lo shiatsu. Gli imprenditori che vogliono gestire aziende floride e sostenibili nel tempo necessitano di percorsi formativi che li aiutino a comprendere meglio come si crea una strategia di marketing e di come si promuove la propria attività. 

Concludendo, non esistono business cattivi o business buoni, ma solo imprenditori preparati e imprenditori impreparati. Non è mai una questione di soldi, ma è una questione di competenze e di capacità da acquisire che trasforma un’idea imprenditoriale in un’attività di successo. 

gelato alla fragola2

Come fare il gelato alla fragola in casa

Il gelato alla fragola è un gustosissimo dolce che non mancherà di deliziare il tuo palato e quello dei tuoi commensali ma… sai come realizzarlo? Come fare il gelato alla fragola in casa? Quali sono i passaggi che dovresti fare per poterti aggiudicare un dolce homemade in grado di soddisfare ogni ambizione culinaria?

Nelle righe che seguono cercheremo di comprendere in che modo puoi realizzare un gelato alla fragola dolce e cremoso, con una ricetta semplicissima, che ti permetterà di ottenere dei risultati davvero fantastici in pochissimi istanti!

GELATO ALLA FRAGOLA

Ingredienti gelato alla fragola in casa

Questa versione semplificata utile per fare il gelato alla fragola in casa si basa su pochissimi ingredienti: non preoccuparti, perché nonostante questa semplicità di elementi di base, il risultato sarà comunque notevole.

In particolare, ciò di cui hai bisogno è una panna da montare, che fornirà maggiore volume e sapore al tuo gelato, e il latte condensato, che invece addolcirà la miscela e impedirà che il gelato diventi troppo duro. Considerato che uno di questi ingredienti non “funziona” senza l’altro e nessuno dei due ingredienti può essere sostituito da questa ricetta… non ti rimane che procurarteli (e, mi raccomando, che siano di ottima qualità, come vuole Brioscia.it!).

Detto ciò, avrai anche necessità di un po’ di vaniglia: un’aggiunta importante alla tua ricetta del gelato alla fragola, perché è in grado di mantenere il gelato abbastanza morbido da poterlo raccogliere e servire facilmente. Infine, avrai evidentemente bisogno di una purea di fragole. Tutti gli ingredienti possono essere facilmente acquistati in supermercato o in negozi biologici.

Come fare il gelato alla fragola

Ora che sai quali sono gli ingredienti di base che ti servono, non ti rimane che passare all’azione! Combina insieme panna montata, latte condensato e vaniglia, e quindi aggiungi una tazza di purea di fragole fresche. Facile, no?

Ma vediamo la versione più dettagliata:

  1. prepara la purea di fragole. Se non vuoi comprarla in commercio, prendi delle fragole, sminuzzale e cospargi con un po’ di zucchero, per poi cuocere a fuoco basso per 1 ora;
  2. metti tutto in un robot da cucina al fine di ottenere un composto cremoso. Una volta raffreddato, frusta con latte condensato e vaniglia per combinare e aerare;
  3. monta la panna e poi unisci delicatamente la miscela di fragole e panna insieme. Bada bene a fare questo passaggio con la giusta leggerezza, perché se sbatterai furiosamente gli ingredienti, finirai con il distruggere la loro sofficità;
  4. versa in un contenitore e poi congela per più di 12 ore.

Ciò che esce dal congelatore è… un bel gelato alla fragola pronto da gustare!

gelato alla fragola2

Come conservare il gelato fatto in casa

Se avanza del gelato dopo la preparazione, potrai facilmente conservarlo in un contenitore ermetico nel tuo freezer. Se conservato correttamente, questo gelato potrà essere conservato e gustato fino a sei settimane dopo la preparazione.

Speriamo che questa ricetta ti sia stata utile per poter rendere ancora più creativa la tua opera culinaria: facci sapere come è andata!

Leggi anche: come fare il gelato alla Fragola

brioscia

Ricevi informazioni e contattaci